Riportare l’armonia nel mondo: «Il rosso e il blu» di Luca Giommoni

4 minuti di lettura
«Il rosso e il blu» di Luca Giommoni

Luca Giommoni in Il rosso e il blu. Una comune favola di migrazione, romanzo di esordio edito da Effequ nel 2020, racconta la storia di una realtà che fa da contenitore di tante altre storie: migrazione, odio, razzismo… L’Italia che raccoglie le ultime speranze di un popolo in fuga verso un’Europa che non sa identificare sulla mappa. 

Le voci protagoniste de «Il rosso e il blu» di Giommoni

Tutto ruota intorno al centro d’accoglienza Arcobaleno, dove i vari personaggi portano le loro storie con sé. Makamba è partito dal Mali, ha viaggiato per il mondo intero prima di arrivare in Italia. La sua è una vera e propria missione: riportare l’armonia nel mondo. Attraverso due colori, il rosso e il blu

Non avere paura di sbagliare strada: sbagliandola troverai la tua, troverai altri paese che hanno bisogno del tuo intervento, dell’armonia che porti con te. L’unica strada sbagliata è quella che ti riporterebbe qui.

Billy Idol ha le idee chiare: deve diventare un supereroe per guadagnarsi la cittadinanza italiana. La missione di Fagadan, invece, è quella di correggere il mondo attraverso una gomma da cancellare. 

Leggi anche:
La robotica gentilezza di «Klara e il Sole» di Kazuo Ishiguro

Accanto a loro, Benedict, Santiago, Valerio e Manfredi, incastrati nella contraddizione esistenziale del sistema italiano, tra regolamenti e fondi che non bastano mai. 

Goccia dopo goccia, stanno a galla in un mare che ha lo stesso sapore delle lacrime. C’hanno fatto caso? Forse.

È la storia di Tikidà, una donna data in sposa quando è ancora troppo giovane, non sa leggere e scrivere ma ci prova, e sogna. È la madre di Makamba e, da quando sono lontani, hanno trovato un modo per parlarsi ancora: quando nel cielo passa una di quelle lucine rosse lampeggianti le affidano un pensiero, l’uno per l’altra.

Ciascuno a modo suo, cerca di dare un senso e un nome alle proprie esperienze, mentre Makamba cerca di trovare il giusto equilibrio tra rosso e blu, i pomelli dell’acqua calda e fredda. È Don Chisciotte che lotta contro i mulini a vento, è Peter Pan che vola verso l’isola che non c’è, è il capitano Achab che sopravvive alla balena bianca. L’equilibrio, tre giri di rosso e due di blu.

Se qualcuno avesse armonizzato ogni giro di rosso e ogni giro di blu, in ogni paese, affinché producessero un preciso equilibrio, il mondo sarebbe stato un po’ più vicino, più unito.

Leggi anche:
Migranti e Libia, cosa sta combinando Mario Draghi?

Una favola che parla di speranza

Luca Giommoni, forte del suo lavoro come insegnante di italiano per stranieri, raccoglie la sua esperienza in un centro di accoglienza in una favola per adulti, la verità di un popolo che molti italiani non vogliono ascoltare, per gli uomini che hanno dimenticato cosa vuol dire lottare per un futuro, per un lieto fine che, come una speranza, sembra sempre più lontano.

Non abbiamo grandi editori alle spalle. Gli unici nostri padroni sono i lettori. Se ti piace quello che facciamo, puoi sostenerci con una donazione.

Segui Magma Magazine anche su Facebook e Instagram!

Serena Votano

Serena Votano, classe 1996. Tendenzialmente irrequieta, da capire se è un pregio o un difetto. Trascorro il mio tempo libero tra le pagine JD Salinger, Raymond Carver, Richard Yates o Cesare Pavese, in sottofondo una canzone di Chet Baker, regia di Woody Allen.

Lascia un commento

Your email address will not be published.